RTO con il Settore Tecnico: Gualtiero Gasperini – Sezione AIA Bologna

RTO con il Settore Tecnico: Gualtiero Gasperini

Designazioni Arbitri Nazionali 20/21 ottobre
19 ottobre 2018
Serie B, giornata storica per la nostra Sezione!
25 ottobre 2018

RTO con il Settore Tecnico: Gualtiero Gasperini

È stata una serata ricca di spunti quella passata con Gualtiero Gasperini, che ha permesso ai tanti associati che hanno gremito la Sezione di Bologna di ripassare il regolamento andando a fare essi stessi la riunione. La riunione è stata aperta dal Presidente Antonio Aureliano, che ha ceduto immediatamente la parola al prestigioso ospite, un personaggio che non ha di certo bisogno di presentazioni: Gualtiero Gasperini della Sezione di Forlì, componente del Settore Tecnico area Formazione: modulo perfezionamento tecnico e valutazione tecnica. Gualtiero ha fin da subito impostato la serata all’insegna dell’interazione per catturare ancor di più l’attenzione dei colleghi presenti. Gli argomenti trattati sono stati tre, i più importanti che potrebbero capitare il qualsiasi categoria la domenica: il fallo di mano, il DOGSO e il fuorigioco. Ogni intervento è stato introdotto dalla visione di un filmato, poi ogni singolo associato ha potuto fornire una proprio feedback e una propria interpretazione dell’episodio visto. Prima di dare la decisione del Settore Tecnico corretta e da assumere in campo è stato letto il regolamento, così da prendere dimestichezza con i termini che vengono utilizzati. In particolare sono stati ricordati quali sono i fattori per punire con un calcio di punizione diretto un fallo di mano, quelli per comminare un’ammonizione al calciatore colpevole del fallo e quali sono invece i casi per cui esso deve essere espulso. Interessante anche il dibattito che è scaturito dalla domanda dell’ospite “il portiere può commettere un fallo di mano all’interno della propria area di rigore?” E la risposta, affermativa, ha dato modo di ripercorrere la circolare 1 di quest’anno, in particolare il caso del portiere che colpisce il pallone con un oggetto, che da questa stagione sportiva non è più visto come un prolungamento della mano, ma come un’infrazione, quindi punibile anche se commessa dal portiere nella propria area di rigore. La riunione è proseguita con la visione di video riguardanti il DOGSO, l’acronimo che nel 2016 ha cambiato le regole del calcio, ovvero il negare una evidente opportunità di segnare una rete. Anche in questo caso sono stati prima gli associati a fornire una personale interpretazione degli episodi, poi è stato ancora una volta chiamato in causa il regolamento, spulciando tra le pagine sono stati ricordati quali sono i parametri per propendere per un’ammonizione e quelli per l’espulsione, ovviamente analizzando attentamente anche la differenza tra fallo commesso fuori dall’area e fallo commesso all’interno di essa. Come anticipato, il terzo argomento trattato da Gualtiero Gasperini è stato il fuorigioco, partendo da casi “limite” e di appositamente di difficile interpretazione sono stati ricordati quali sono gli elementi per punire una posizione di fuorigioco, sottolineando che il solo elemento di trovarsi in posizione geografica di fuorigioco non è sufficiente per segnalarlo, sono stati elencati invece i casi in cui è necessario farlo, ovvero quando interferisce con l’azione, interferisce con un avversario o trae vantaggio dalla sua posizione. La serata, che ha visto la partecipazione attiva di molti dei numerosi Arbitri, Assistenti e Osservatori presenti si è dimostrata piacevole grazie alla grande capacità di Gualtiero di spiegare il regolamento con estrema semplicità e chiarezza. Il Presidente Aureliano ha ringraziato l’ospite per la grande disponibilità dimostrata e la serata si è conclusa tutti assieme a tavola, a dimostrazione del grande spirito associativo che muove la nostra associazione.

 

ECCO TUTTE LE FOTO DELLA SERATA: